TOGETHER! Un progetto europeo contro i crimini d’odio

murale3HateCrime-900x298Lunaria promuove in Italia il progetto europeo “Together! Accrescere le capacità delle forze dell’ordine e delle organizzazioni della società civile nel rendere visibili i crimini d’odio”, finanziato dalla DG-Justice della Commissione Europea. Sessioni formative, campagne di sesibilizzazione e ipotesi di lavoro saranno al centro del lavoro del partneriato.


Il contesto: uno sguardo al presente
Nonostante gli sforzi degli stati membri dell’UE volti a contrastare i crimini di odio basati sul razzismo e la xenofobia, alcuni segnali indicano che la situazione in Europa non sta migliorando. In particolare, secondo l’Agenzia dell’Unione Europea per i Diritti Fondamentali (FRA), la mancata denuncia dei crimini di odio continua a essere un problema significativo in tutta Europa. Molte volte, le vittime non considerano il reato che subiscono come un crimine di odio, o non lo denunciano alle forze dell’ordine per paura o mancanza di fiducia nei confronti delle autorità. In modo analogo, nella maggior parte dei casi, le forze dell’ordine, le ong o i gruppi di sostegno alle vittime non possiedono le conoscenze necessarie per riconoscere e denunciare correttamente questo tipo di crimine. Di conseguenza, molti reati rimangono invisibili. In questi casi, i diritti delle vittime potrebbero non essere pienamente rispettati e tutelati, nel senso che gli stati membri dell’UE vengono meno ai loro obblighi nei confronti delle vittime.

Lo scopo: perché questo progetto?
Questo progetto intende migliorare le capacità delle forze dell’ordine e della società civile nel rendere visibili i crimini di odio nella società europea. Questo rappresenta il primo passo per contrastare i crimini di odio e far fronte alle relative violazioni dei diritti fondamentali. Gli obiettivi specifici del progetto sono:

– rafforzare la capacità delle forze dell’ordine, delle ong e delle organizzazioni comunitarie di riconoscere e denunciare i crimini di odio e di interagire con le vittime;
– migliorare la raccolta di dati sui crimini di odio creando e utilizzando metodologie e strumenti per la raccolta dati rivolti alle forze dell’ordine e alle organizzazioni della società civile;
– rafforzare la creazione di reti e la collaborazione tra le forze dell’ordine e la società civile – a livello nazionale e internazionale – nello scambio di informazioni e controllo sugli hate crimes.

Le attività: cosa fare?
Per sensibilizzare le persone sui crimini di odio, migliorare le capacità della società civile nel riconoscerli e contrastarli, il progetto opera su livelli diversi e in contesti differenti:

1) formazione sui crimini di odio, rivolti ai membri delle forze dell’ordine, delle ong e delle organizzazioni comunitarie;
2) informazione e comunicazione su come denunciare i crimini di odio, utilizzando anche lo strumento di raccolta dei dati e meccanismi di scambio di informazioni tra la società civile e le forze dell’ordine;
3) diffusione di conoscenze e buone pratiche contro i crimini di odio.

Paesi coinvolti
Cyprus, Czech Republic, Italy, Spain.

Partners del progetto
Cypro
KISA
Czech Republic
OPU – Organization for Aid to Refugees
Italy
Camera del lavoro di Milano
Lunaria
Università di Roma 3 -Osservatorio contro il razzismo
Spain
SOS Racisme Catalunya
SOS Racismo / SOS Arrazakeria Gipuzkoa

Associated Partners
National Union of Chiefs and Local Police Officers of Spain;
Catalan Association of Local Police Chiefs and Commanders.

Institutional support
The following institutions officially support the project:

Special Prosecution Service to Investigate Bias-Motivated Crimes of Barcelona;
Superior Court of the Basque Country;
Service for Integration and Interculturalism, Government of Basque Country
Immigration General Direction, Government of Catalonia;
Department of Local Police of Milan City Council;
Commissioner for Administration and Human Rights (Ombudsman), Cyprus.

Per info: antirazzismo@lunaria.org
www.togetherproject.eu

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone