News

La misurazione del benessere a Arezzo

18/01/2012

Nell’ambito del progetto Umanamente, Lunaria, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, ha pubblicato il rapporto“La misurazione del benessere ad Arezzo. Promozione della misurazione del benessere in ambito locale urbano secondo un approccio di sviluppo umano” . Il rapporto presenta  un indice sintetico di benessere su scala comunale, elaborato utilizzando dati ufficiali forniti dall’amministrazione comunale o da altri enti pubblici e privati. Il periodo di di analisi si riferisce agli anni 1999-2009. I 45 indicatori costruiti nei domini Ambiente; Economia e lavoro; Diritti e cittadinanza; Salute; Istruzione; Pari opportunità; Partecipazione hanno consentito di elaborare l’indice sintetico di benessere.

Negli ultimi dieci anni diversi studi hanno proposto indicatori alternativi al PIL, sia in ambito nazionale che internazionale. L’interesse per questi indicatori nasce dalla constatazione che la crescita in senso stretto, come mero aumento del reddito, o dell’industrializzazione, o degli investimenti, può produrre effetti distorsivi e talvolta anche negativi sulla qualità della vita della popolazione se non è accompagnata da adeguate politiche sociali e ambientali: per poter parlare di sviluppo è dunque necessario che la crescita sia “qualificata”, ossia accompagnata da un aumento del benessere. Nella misurazione di quest’ultimo il PIL risulta un indicatore insufficiente. La ricerca svolta ad Arezzo rappresenta una delle prime sperimentazioni di misurazione del benessere condotte a livello comunale nell’ambito di un quadro teorico di riferimento che si colloca all’interno dell’approccio dello sviluppo umano.

E’ possibile richiedere copia del rapporto a Lunaria.



Progetti & Iniziative

Il progetto I'VE
Contributi e testimonianze dai progetti internazionali
Cronache di ordinario razzismo
Il progetto TOY
Il progetto TOY
fIl salone dell'editoria sociale
Le Edizioni dell'Asino
Il Magazine per un'altra economia

Lunaria. Powered by Wordpress. |Informativa sull'uso dei cookie